Foto




venerdì 1 novembre 2013

La riforma Costituzionale: potenzialità e limiti

Mercoledì 30 ottobre,nella cappella universitaria, i ragazzi della fuci hanno incontrato il professore del dipartimento di scienze politiche e sociale e direttore della SSSAP Silvio Gambino, Che si é offerto di spiegare ai tanti fucini, ma anche vari studenti universitari spinti dalla curiosità del tema, le potenzialità e i limiti della riforma costituzionale. Il professore ha offerto un'ampia lettura di una riforma che ci riguarda in prima persona, usando anche, ove possibile, un linguaggio più semplice e meno giuridico per sensibilizzare maggiormente le nostre menti.

L'intervento si è basato su un'idea portante, quale la "bella" costituzione che ci rappresenta. Essa si diversifica dalle altre in quanto non considera più l'individuo come soggetto a se stante, bensì come persona, che se da un lato è sinonimo di limite, per quanto riguarda le azioni dei singoli poteri dello stato; dall'altro fortifica la componente cattolica, che acquisisce un ruolo sempre più determinante. Basti pensare che la sovranità risiede nel cittadino e non più nel parlamento; finchè c'è la costituzione, il parlamento non è più sovrano, ciò lo recita l'art 1 della costituzione. Essa regola la cittadinanza all'interno della società,tutto questo è diritto e potrebbe sembrare utopia, ma sta a noi a farla diventare politica.
A tal proposito è necessario distinguere il concetto di legge da quello di costituzione: il primo riflette le culture differenti, quindi basato sul pluralismo, ma esso non deve essere concepito come costituzione. Con quest'ultimo si indica il modello prefigurato di società, che cattolici, marxisti e laici hanno costruito. In questo momento, la costituzione viene considerata come una sorta di spartiacque, in quanto il funzionamento della stato rispetto alla società subisce costantemente cambiamenti.

Ed è proprio la procedura della revisione della costituzione (art. 138,art.139) , che il governo Letta intende modificare. Il problema di fondo sta nella nozione di deroga, che divide parlamentari e costituzionalisti,in quanto essa è connessa al cambiamento di un singolo dettaglio, "una tantum" ;non si tratta di una riforma, attraverso cui avviene una trasformazione radicale.
Perciò il professore Gambino conclude con un'esortazione:"per difendere la costituzione non bisogna stare in pantofole ed essere passivi", vale a dire che non bisogna assolutamente mollare lo stato,ma ancor di più "non mollare i partiti in mano dei piranha", che nonostante presentino discontinuità e incoerenza tra i vari ideali, e piuttosto di coalizzarsi, non fanno altro che creare ulteriori segmenti di rottura nello stato, sono il punto focale della libertà di pensiero. E per quanto sia inevitabile una catastrofe,che riguarda i vari campi,a partire da quello economico per poi arrivare a quello sociale, resta immutato il compito dello stato, che deve intervenire e interferire con il cittadino, il quale deve attuare ciò che viene sancito dalla carta costituzionale e proteggere la costituzione anche con gli istituti di partecipazione. 
Il prof.Gambino ha iniziato e terminato il dibattito con la medesima frase "c'è un tempo e una storia che guida il cambiamento". Meditiamo su ciò che avviene sotto i nostri occhi, affiancando la teoria alla pratica, o meglio, passando dall'astrattismo delle nostre idee alla concretezza.

4 commenti:

  1. realizzato con la collaborazione di FEDERICA MARTIGNANI

    RispondiElimina
  2. Gracias! Crees que fue interesante lo que dijo el prof Gambino?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto Interesante, ma possiamo laborare piu sul reforme

      Elimina